Dimagrire è una questione di 'metabolismo mentale' - Beauty - caffedemocratico.it Repubblica

Emozioni e perdita di peso

Spesso il loro minimo comun denominatore consiste in un inconscio atteggiamento nichilistico.

Quante volte vi siete convinti di aver trovato quella che faceva proprio al caso vostro? E quante volte le aspettative iniziali si sono arenate prima del previsto?

Il cibo ha una valenza molto importante. Perché è tanto difficile dimagrire?

FASE INIZIALE: la luna di miele

Molto del cibo che assumiamo è richiesto dalla nostra mente e non dal nostro organismo. È la cosiddetta fame nervosa: qualunque ne sia la causa, la fame nervosa non dipende da necessità fisiche, ma da ben altri fattori, tutti legati alla sfera emotiva.

emozioni e perdita di peso

Ad esempio, si mangia per tristezza dovuta a motivi più o meno evidenti, quando si è ansiosi e si ha la sensazione di buco allo stomaco, quando si prova noia e il cibo rappresenta la via più semplice per liberarsene, interrompendo un pomeriggio inoperoso o una mattina senza impegni, quando ci si sente soli e il cibo sostituisce qualcosa che manca, quando si è arrabbiati e si prova risentimento, amarezza, indignazione, frustrazione.

Si mangia anche quando si è felici: il cibo in questo caso rappresenta il giusto completamento di un evento piacevole, di una ricorrenza, di una bella giornata, di un incontro sociale.

emozioni e perdita di peso

Il fattore psicologico è fondamentale quando si cerca di dimagrire. Quando si corpo sottile riddim iniziare un programma dietetico finalizzato al dimagrimento, per non danneggiare la propria salute, bisogna tener conto dei suggerimenti dei professionisti anziché seguire una dieta arbitrariamente.

emozioni e perdita di peso

Ma sono proprio le modalità con le quali tenta di superare alcuni conflitti con il cibo che lo stabilizzano in una condizione che sembra senza uscita.